Prezzo di [S]vendita all’asta

Pignoramento come fare

Ecco perché se la tua casa pignorata vale tra i 90 e i 130 mila, hai un problema molto serio. Scopri come risolverlo

Queste valutazioni sono la media dei valori degli immobili della fascia media degli italiani.

Negli ultimi 10/15 anni, gli immobili sono stati venduti con prezzi tra i 110 mila euro e i 160/170 mila euro come massimo.

Il perché è presto detto: la media degli stipendi permetteva quel tipo di mutuo.

Lasciamo perdere il fatto che le persone chiedevano il 100% del mutuo o addirittura il 130%.

Cioè, prendevano fino al 30% in più del valore della casa.

Regalare soldiChiaro che subito fa piacere, ma quando le cose poi non vanno più come dovevano andare, ridare quel 30% alla banca, diventa molto dura.

E non è nemmeno colpa di queste persone, chiedevano e le banche, senza un minimo di riflessione, aprivano le porte al credito senza curarsi del dopo.

Purtroppo, poi la crisi ha colpito ferocemente decine di migliaia di famiglie facendo mancare uno o entrambi gli stipendi in casa e le rate del mutuo sono cominciate ad essere pesanti, finché i pagamenti non si sono interrotti.

Ora mettici la crisi immobiliare che con la svalutazione ha fatto scendere parecchio i prezzi di mercato e la valutazione del C.T.U. è completamente diversa, in ribasso, rispetto al prezzo originale d’acquisto.

  • ATTENZIONE: Se il C.T.U. ti valuta la casa maggiormente rispetto al mercato, c’è un problema e te lo spiego nel prossimo articolo.

Perché se il perito ti ha valutato la casa pignorata tra i 90 e i 130 mila euro, hai un grave problema?

Perché la media dei prezzi di vendita all’asta, per il tuo tipo di immobile, è tra i 10 e i 30 mila euro.

So che stai facendo una faccia sbalordita. Forse altri penseranno quanto sono drammatico, stupido, che dico le cose per convenienza o non capisco niente.

E’ normale. Però io faccio questo di lavoro e tu no!

Non voglio passare per arrogante, ci mancherebbe, ma non mi permetto di venire a giudicare le informazioni della tua attività, dove tu sei il professionista (quello bravo)… io no!

Proprio per evitarmi insulti gratuiti, ti voglio mettere a disposizione diverse casistiche di aste che seguono i parametri che ti ho elencato sopra.

Una casa pignorata, è un problema per te e un affare per qualcun altro

Quindi se c’è la possibilità di

  • acquistare a pochissimo
  • senza concorrenza perché sono pochi gli investitori che hanno soldi liquidi
  • con l’immobile vuoto

Capisci bene che chi vuole comprare all’asta, lascia che il prezzo crolli totalmente prima di presentare un’offerta.

Ti voglio presentare alcune casistiche in modo che puoi tranquillamente riflettere sul da farsi.

La prima casistica che ti presento è un’asta dove il prezzo di partenza è stato di 64 mila euro e oggi è all’asta a 8 mila 400 euro – Clicca per vedere la foto

La seconda casistica, il prezzo d’asta iniziale è stato di 109 mila euro e oggi è all’asta a 11 mila 600 euro – Clicca per vedere la foto

La terza casistica, il prezzo d’asta iniziale è stato di 78 mila 900 euro e oggi è all’asta a 11 mila 700 euro- Clicca per vedere la foto

La quarta casistica, il prezzo d’asta iniziale è stato di 91 mila euro e oggi è all’asta a 11 mila 100 euro – Clicca per vedere la foto

La quinta casistica, il prezzo d’asta iniziale è stato di 91 mila 800 euro e oggi è all’asta a 21 mila 700 euro – Clicca per vedere la foto

La sesta casistica, il prezzo d’asta iniziale è stato di 136 mila 200 euro e oggi è all’asta a 24 mila 200 euro – Clicca per vedere la foto

Quest’ultima casistica è stata molto particolare.

Praticamente il prezzo d’asta si è svalutato in un solo colpo della metà del valore iniziale.

La settima casistica, il prezzo d’asta iniziale è stato di 110 mila euro e oggi è all’asta a 68 mila 700 euro – Clicca per vedere la foto

Non posso immaginare quelle famiglie con figli,  che saranno costrette a perdere la casa all’asta e a rimanere con i debiti.

Non posso immaginare quei bambini, uscire di casa piangendo senza sapere perché.

Non posso immaginare la reputazione di quelle persone.

Sono cose che mi fanno davvero male, molto.

Adesso ti faccio una domanda MOLTO seria:
Se hai in mano la consapevolezza di come andrà a finire, come ti comporti?

Se sai già che la tua casa viene [S]venduta all’asta per niente, quale sarebbe la soluzione più intelligente e sicura?

Sarai d’accordo con me che, venderla ad un prezzo sicuramente migliorativo rispetto al prezzo di quelle casistiche, è sicuramente positivo. Soprattutto se riesci anche a chiudere TUTTO il debito.

Come fare allora?

Ti invito a scaricarti o a rileggerti il Sistema Collaudato “Basta Debito perché all’interno trovi la risposta.

La [S]valutazione della casa all’asta, è una fine che devi evitare come la peste!

Contattaci adesso che ne parliamo

Compila il modulo qui sotto per poter essere richiamato.

*Inserisci il Tuo Nome e la tua email, accetta le condizioni di Privacy e clicca sul bottone "Invia"


Privacy *

4 Comments

  • Francesco
    agosto 11, 2015 - 19:05 | Permalink

    Salve, vi contatto per conto di mio padre, per il pignoramento della sua casa.
    E’ ancora in tempo per venderla ? Si può fare qualcosa prima che venga venduta all’asta?
    Potete aiutarlo in qualche modo?
    Può fare un altro prestito per estinguere almeno la parte che deve dare subito alla banca per togliere il pignoramento (40000 euro )?
    Il mio mio numero di cellulare è XXXX
    In attesa di una vostra risposta porgo cordiali saluti

    • Cappa & Associati
      agosto 12, 2015 - 09:49 | Permalink

      Buongiorno Francesco,
      ti abbiamo risposto via email in privato.

  • eros flavi
    dicembre 14, 2015 - 23:18 | Permalink

    La mia casa vale sui 100mila e se la devo vendere per 11 mila tranquillo che la faccio a pezzi , così sono sicuro che vale 11 mila cioè un mucchietto di pietre

    • Cappa & Associati
      dicembre 15, 2015 - 15:18 | Permalink

      Gentile Eros,
      capisco la tua frustrazione ma non è così che si affrontano le cose anche perché potresti essere messo fuori casa prima di poter muovere un dito.

      Non solo, rischi pesanti denunce a livello penale.

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *