Pignoramento prima casa, come si risolve?

pignoramento casa come si risolve

Il Pignoramento Prima Casa può essere risolto in due modi. Se ti sta a cuore chiudere il debito con la banca ma ti manca la liquidità per farlo, scopri come poter risolvere il debito e toglierti l’ansia dell’asta

La fortissima crisi economica e la perdita del lavoro sta causando forti danni economici anche a livello immobiliare.

Il sistema bancario è praticamente al collasso perché i mutui non vengono pagati e i pignoramenti sulla prima casa di sono sempre più frequenti ed in aumento.

L’impennata di italiani che stanno perdendo la prima casa con pignoramento per debiti a Roma, Milano, Napoli, Torino, sta davvero facendo tremare le gambe a molti cittadini, come te, che non sanno come uscirne.

La paura di rimanere senza un tetto sulla testa perché la casa pignorata viene Svenduta all’asta viene alimentata dal fatto che rimane un debito a te come esecutato e difficilmente te lo potrai togliere.

La cosa sconvolgente però, rimane il dopo vendita casa all’asta, ed è la cosa peggiore, perché non te l’ aspetti.

Una volta che la casa viene venduta all’asta, non è più tua e devi uscire velocemente prima che arrivi il CTU, il tecnico del tribunale a sollecitare la tua uscita.

Se non hai intenzione di uscire perché le classiche voci da bar dove, se hai bimbi piccoli o invalidi in casa e nessuno ti può sbattere in strada, sono tutte false.

Se non esci di tua spontanea volontà, verrà chi di dovere insieme alla forza pubblica e ti mette fuori dalla soglia in cinque minuti. E sei costretto a lasciare le tue cose dentro che recupererai in seguito perché viene anche cambiata la serratura di casa con il fabbro.

Ma come, mi dite che si può pignorare la prima casa?

Io so per certo che è intoccabile e ci sono sentenze a riguardo!
Chiariamo un punto, la prima casa è pignorabile da creditori privati e banche e le sentenze di Cassazione specificano appunto le proprietà dell’esecuzione.
L’unico creditore che non può pignorarla è Equitalia, ma solo in certi casi e solo dopo una certa somma che non ti spieghiamo qui.

Lo so è davvero inconcepibile, ma è davvero così.

Non sei l’unico a dover subire il pignoramento della prima casa, ma devi conoscere le modalità per poter estinguere il debito e uscire da questa situazione, altrimenti ti porterai dietro il residuo del debito per lungo, lunghissimo tempo.

Quando hai la casa pignorata hai solo una cosa da fare. Chiudere il debito!

E come faccio a chiuderlo se non ho i soldi?
E’ vero, ma hai la casa!

La casa è una fonte di liquidità che ti serve per pagare il debito residuo ed estinguerlo.

Se non te ne sei ancora accorto, la casa non è tua fino a che non hai pagato l’ultima rata del mutuo, solo allora puoi dire che è tua, altrimenti è ancora della banca.

Se continui a pensare di essere più intelligente di loro, sappi che ti stai scavando la fossa da solo, perché loro hanno tutte le carte in regola per Svendertela.

Quindi se alla fine ti tocca venderla, volente o nolente, perché non ti fai furbo e la vendi al prezzo di mercato invece di fartela svendere all’asta dove chi ci guadagna è il solito immobiliere del paese?

Lui, ti sta aspettando sulla soglia dell’ufficio del notaio, quando il prezzo sarà bassissimo e lui se la compra per qualche decina di migliaio di euro.

Pensi di averci guadagnato?

No, e più la pensi così e più fai del male a te stesso e alla tua famiglia perché li stai trascinando giù nell’abisso.

Ora, non è che devi correre dall’agente immobiliare tuo amico, perché non sa minimamente da dove cominciare per vendere una casa pignorata, perché la gente, quando vede il pignoramento, scappa a gambe levate.

Se vuoi davvero uscirne, meglio che ci dai retta perché tramite il Sistema collaudato “Basta Debito possiamo organizzarti la vendita della casa pignorata in modo che tutte le parti vengano soddisfatte.

Contattaci adesso che ne discutiamo.

Compila il modulo qui sotto per poter essere richiamato.

*Inserisci il Tuo Nome e la tua email, accetta le condizioni di Privacy e clicca sul bottone "Invia"


Privacy *

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *