Il C.T.U. mi ha stravalutato la casa, è corretto?

Sopravvalutare il prezzo della casa

Se il C.T.U. (il professionista che viene a fare la perizia) ti ha valutato la casa con un valore più alto rispetto al mercato, non è una cosa positiva. Qui di seguito ti spiego il perché

Mi capita a volte, di confrontarmi con clienti che mi dicono che il C.T.U. ha valutato la casa, un prezzo maggiore del prezzo dell’agenzia immobiliare.

Quando me lo dicono sembrano quasi soddisfatti, come se finalmente, qualcuno è riuscito ad apprezzare il VERO valore della casa.

Li capisco molto, quando la casa è tua, non ha un valore. Ci sono troppe situazioni ed emozioni legate all’immobile.

E quindi per loro l’agente immobiliare è stato troppo basso con il prezzo perché:

  • vuole vendere velocemente
  • pensa solo alla sua provvigione
  • non capisce gli sforzi che avete fatto per ristrutturarla
  • a quel prezzo, non si chiudono i debiti

Invece, il C.T.U. è riuscito a valorizzare davvero la nostra casa dando un prezzo degno e prestigioso.

Ma sarà vero?

Ora voglio spiegarti cosa succede quando un un perito sopravvaluta un immobile che deve essere messo in asta.

Faccio una premessa.

Un perito, non è un agente immobiliare… fa perizie, non vende case
  • Già molti agenti immobiliari non sono competenti nel loro lavoro, figuriamoci un professionista che fa tutt’altro.

Non sto parlando in senso generale, ma mi riferisco solamente a quelle casistiche in cui il prezzo è davvero spropositato.

Vedo diverse perizie sfalsate nei siti dei tribunali e questo mi da un’idea di come sia la preparazione di questi professionisti in campo immobiliare.

ascoltareAdesso ti svelo un segreto che neanche chi è in questo campo da molto tempo conosce.

Se il C.T.U. fa una perizia sfalsata, questo provoca conseguenze gravi su tutto il procedimento.

Una perizia sfalsata cambia le carte del gioco:

Allunga di molto le tempistiche di chiusura.

Un potenziale acquirente che fa una proposta d’acquisto GIUSTA per i valore di mercato immobiliare, non viene presa in considerazione perché sembra troppo bassa rispetto alla valutazione in perizia.

Quando vai a proporre una via di chiusura a saldo a stralcio con i creditori, diventa più difficile far capire loro che c’è una valutazione sbagliata. E’ ovvio che le tue offerte di chiusura diventano complicate, loro si aspettano di prendere di più dall’asta.

E quando la casa rimane invenduta per molto tempo e si svaluta parecchio rispetto al prezzo iniziale arrivando ai parametri normali di mercato, tutte le parti si rendono conto dell’errore.

Magari i creditori si fanno avanti riprendendo in considerazione la proposta di qualche tempo fa, ma l’acquirente ormai non c’è più. ha comprato da qualche altra parte.

Magari il tribunale aveva deciso di svuotare l’immobile da cose e persone, pensando di facilitare di più la vendita.

Ma nessuna delle due motivazioni ha avuto effetto positivo, perché il problema era il prezzo di valutazione iniziale.

Cosa fare?

Tu non puoi fare nulla direttamente, quello che stai subendo è un classico errore di lavoro da parte di qualcuno che non è competente in materia.

Il consiglio che posso darti è quello di guardare i siti di immobiliare nella tua zona e cercare di capire se la valutazione della tua casa pignorata è stata corretta.

Se hai dei dubbi… contattaci adesso che ne parliamo.

Compila il modulo qui sotto per poter essere richiamato.

*Inserisci il Tuo Nome e la tua email, accetta le condizioni di Privacy e clicca sul bottone "Invia"


Privacy *

4 Comments

  • leandro
    novembre 25, 2015 - 10:11 | Permalink

    buongiorno vorrei sapere se un creditore per circa 16.000 euro può pignorare un immobile dove c’è un mutuo rimanente di circa 105.000 euro un ipoteca di equitalia per un debito di 23.000 euro , il valore di mercato dell’immobile è di circa 220/230 mila euro. grazie dell’informazione.

    • Cappa & Associati
      novembre 27, 2015 - 11:06 | Permalink

      Gentile Leandro,
      potenzialmente l’immobile è capiente per pagare quel debito, dipende poi se l’avvocato della controparte spinge per assicurarsi una parcella anche se all’asta sa che non prenderebbe niente.

  • gianfranco
    giugno 23, 2017 - 08:52 | Permalink

    il prezzo dellimobile era cuello dellagenzia allepoca della vendita il vecchio proprietario chiedeva dipiu. 190,000 poi accordati a 170,000 prezzo piu reale. cuello che interessa adesso e chiudere solo i debiti se sipuo fare prima dellasta

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *