Casa All’Asta, Chi Mi Garantisce Di Stare In Casa?

Falsita

Chi ti da la garanzia che puoi stare in casa dopo che è stata venduta all’asta, ti sta raccontando un fracco di cavolate. Probabilmente ha qualche losco interesse su di te.

Mi permetto di darti questo prezioso consiglio in forza del fatto che una persona come te che sta attraversando un momento davvero delicato e di forte stress, può essere vittima di qualche losco individuo che se ne approfitta senza arrivare a un dunque.

Il perché è chiaro.

  • C’è molta fragilità in te ed è facile cadere nelle grinfie di un qualcuno che NON conosce l’argomento oppure si fa forza di qualche “titolo” per soffiarti qualche cento euro.

E’ accaduto proprio ieri quando parlo al telefono con un cliente che mi ha raccontato la sua storia.

Sono mesi che ha la casa all’asta e il terrore di farsela portare via senza chiudere il debito, non lo fa dormire la notte.

Luca (NDF) mi dice tante cose ma una mi ha colpito particolarmente.
Si è rivolto a tre avvocati e tutti gli hanno spillato soldi per niente.

Hanno fatto il lavoro certo, cioè, hanno mandato una lettera, ognuno a modo proprio promettendo al cliente:

  • “Tranquillo che adesso che riceve la mia lettera la risolviamo”
  • “Non possono metterti in strada, non hanno il diritto e hai un bimbo piccolo”
  • “Ma qui c’è usura, dobbiamo fare denuncia e vedrai… Nessun giudice sbatte fuori casa qualcuno che è vittima di usura”

Il primo avvocato era certo che una volta che il direttore della banca avrebbe ricevuto la sua lettera, avrebbe ricevuto il cliente per trovare una quadra. In effetti ha convocato il cliente con l’avvocato nel proprio ufficio e alla domanda: Va bene, troviamo un accordo, quanti soldi ha per transare?

Luca ha guardato l’avvocato che gli risponde: digli una cifra che vada bene alla banca.

Luca guarda sbalordito l’avvocato ed esclama: Ma io non ho soldi ecco perché sono qui.
L’avvocato: Si ok, ma se dobbiamo trovare un accordo per risolvere con la banca devi avere soldi altrimenti il mio lavoro è inutile.

Il secondo avvocato, ha fatto opposizione al pignoramento per debito illecito e quindi chiedeva la sospensione della procedura esecutiva in forza anche della presenza di un minore.
Opposizione respinta! Se hai letto i miei articoli precedenti, sai il perché.

Il terzo avvocato ha dato solo dei consigli rassicurativi terminando la consulenza con le paroline magiche: “Nessuno può sbatterti fuori casa. Stai tranquillo che se hai un bambino piccolo, nessun giudice ti sfratta. Hai molto tempo a disposizione anche perché, chi viene per vedere per comprare all’asta, solitamente viene frenato quando esiste la presenza di minori”

Luca, che è tempo che legge il mio blog, ha detto all’avvocato che le cose non stanno proprio così e che ha letto su questo blog, come stanno veramente le cose.

Risposta: Vedi Luca, devi stare attento a dove prendi le informazioni. Ci sono tanti blog che dicono fesserie (sono d’accordo) ma io sono un avvocato, ho studiato, queste cose le so.

  • Infatti in questo blog scrivo costantemente che conviene fare opposizione, che nessuno ti manda via di casa, che quando ci sono minori di mezzo puoi stare in casa per anni!

Non giudico, giudica tu.

Ora mi dici che colpa ne ha Luca o uno come te?
Tu fai un altro lavoro e come Luca ti sei rivolto giustamente a chi dovrebbe davvero saperne e almeno dare un significato alla situazione.

Nel caso di Luca, la sua ingenuità lo hanno portato a spendere soldi senza risolvere. Sbaglio?

Chissà a quanti ti sei rivolto cercando aiuto:

  • Avvocati
  • Amministratori comunali
  • Sindaci
  • Forze dell’ordine

Quindi, visto che in giro ci sono blog come il mio che dicono fesserie, vorrei rispondere alle tre situazioni che sono successe.

Sul primo caso è palese. Se non hai i soldi per chiudere il debito a saldo a stralcio, non vai da nessuna parte. E il direttore di banca lo ha confermato facendo fare all’avvocato la figura del pinguino difronte al cliente che lo ha pagato!

Il secondo caso, l’opposizione al pignoramento.
Il giudizio di opposizione si chiude con una sentenza di accoglimento o di rigetto. Nel primo caso l’esecuzione subirà un arresto e, qualora, si accerti la mala fede o la colpa grave del creditore procedente, sarà condannato alle spese. Nella seconda ipotesi, l’esecuzione riprenderà il suo corso e sarà l’opponente ad essere condannato alle spese per aver resistito con mala fede o colpa grave (art. 96 del c.p.c.). [estratto da brocardi.it]

Se la banca ti ha dato dei soldi per comprare casa è difficile provare la mala fede del debito da parte del creditore. Ti ha dato dei soldi e ha messo ipoteca. Mi sembra molto chiaro.

L’opposizione va fatta quando ha senso di farla.

Al massimo puoi fare tutte le verifiche necessarie per provare l’usura nel mutuo ma servono tanti soldi e tanto tempo.

Nel terzo caso, visto che nessuno ti può sbattere fuori casa durante la procedura esecutiva o ancora meglio perché hai bimbi piccoli, ti voglio postare questo articolo che probabilmente conosci. Ha fatto molto scalpore la Famiglia Spanu ad Arborea che è stata letteralmente trascinata fuori casa dalla forza pubblica durante l’accesso forzoso, proprio perché si era barricata in casa.

Clicca sulle foto per ingrandirle.

Arborea famiglia spanuFamiglia spanu Arborea

Credi che sono ancora troppo duro nel descrivere certe situazioni?

Ecco perché confermo che il Sistema Collaudato “Basta Debito è l’unica soluzione che ti rimane per chiuderti i debiti e vendere la casa senza cadere nella trappola della svendita dell’asta.

Puoi evitare tutto questo alla tua famiglia.

Contattaci adesso che ne parliamo.

Compila il modulo qui sotto per poter essere richiamato.

*Inserisci il Tuo Nome e la tua email, accetta le condizioni di Privacy e clicca sul bottone "Invia"


Privacy *

2 Comments

  • Angelo
    maggio 20, 2016 - 10:08 | Permalink

    Buongiorno, domanda: Se il debito tra Equitalia e banca e’ piu’ del doppio del valore della casa, 90 mila€ Equitalia e 40mila € la banca piu’ rate di condominio per circa 9/10 mila € , c’e’ ancora senso proporre il saldo e stralcio, anche al 50% i debiti supererebbero ancora il valore commerciale della casa. Grazie della risposta. Angelo

    • CAPPA e Associati
      maggio 23, 2016 - 12:03 | Permalink

      Gentile Angelo,
      il problema rimane Equitalia che non è stralciabile.

      A meno che non sia intervenuta nella procedura.

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *